STUDIO TECNICO

Ingegneria e sicurezza sul lavoro

Ai fini degli adempimenti previsti in materia di sicurezza dal D.Lgs. 81/08, è obbligo del Dirigente Scolastico:

  1. Redigere il Piano di Emergenza ed Evacuazione per ogni plesso scolastico
  2. Elaborare le planimetrie d'esodo da ciascun locale

Il nostro Studio redige il Piano di Emergenza ed Evacuazione per qualsiasi realtà scolastica, producendo documenti conformi alla normativa personalizzati per la singola Scuola.

Elaboriamo planimetrie in formato elettronico con software AutoCAD in qualsiasi scala e grandezza, provvedendo direttamente alla stampa a colori su supporto adeguato.  

IL PIANO DI EMERGENZA ED EVACUZIONE

Il piano di emergenza e di evacuazione è il documento da predisporre obbligatoriamente come norma di esercizio ai sensi del DM 26.08.1992. Tale documento costituisce uno schema organizzativo che definisce i compiti da svolgere in funzione delle varie ipotesi di emergenza. Nel corso delle prove di evacuazione, da effettuare almeno due volte durante l’anno scolastico (D.M. 26/08/1992 punto 12.0), deve essere verificata la funzionalità del piano al fine di apportare gli eventuali correttivi per far aderire il piano alla specifica realtà alla quale si applica.

Per costruire un corretto piano di evacuazione è necessario conoscere molto bene l’ambiente scolastico. Prima di tutto, è indispensabile individuare le caratteristiche spaziali e distributive dell’edificio (ad esempio il numero di piani ed aule per piano), utilizzando le piante e le planimetrie a disposizione, integrandole ove presentassero delle carenze ed aggiornando gli eventuali cambiamenti (modifiche nelle destinazioni d’uso, spostamento di muri, chiusura di porte, ecc.).

Nelle piante dei diversi piani dovranno essere opportunamente indicati tutti i luoghi in cui si possono verificare le situazioni di pericolo, ad esempio:

  • laboratori
  • palestre
  • biblioteche
  • magazzini
  • centrali termiche

le strutture e gli impianti di sicurezza (scale ed uscite di sicurezza, estintori, idranti, ecc.) nonché i luoghi sicuri o aree protette in cui possono trovare rifugio gli occupanti della scuola.

Inoltre è importante conoscere al dettaglio, e per ogni piano , il numero di docenti, allievi e personale non docente, individuando anche la fascia oraria di con la massima presenza di persone e dimensionare l'esodo in caso di emergenza sulla fascia oraria di maggiore affollamento.

Contattaci subito per chiarimenti, info e dattagli.

STUDIOTECNICOSV utilizza i cookie anche di terze parti per il funzionamento del sito e per raccogliere dati anonimi sulla navigazione.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.